SaloneUfficio 2008 Review: padiglione 20 (prima parte)


Archiutti

Al mitologico inventore del volo, si ispira Dedalus: nuovo sistema di arredi direzionali proposto da Archiutti assieme alla parete monovetro Wats in questa edizione 2008 del SaloneUfficio. Elegante nella forma, ricca di contrasti e completa nelle possibilità di soddisfazione di ogni gusto estetico, Dedalus ipnotizza per la sua leggerezza e per gli arditi binomi formali e sostanziali. A lei perfettamente coordinabile è la monovetro Wats, fusione di trasparenza, luminosità e tecnologie di isolamento acustico, la parete è caratterizzata da estrusi in alluminio a pavimento e soffitto, vetro stratificato a tamponamento e giunti verticali in policarbonato che permettono di allestire gli ambienti senza soluzione di continuità.


Armet

Forte della propria esperienza nella lavorazione degli acciai, la San Polo Lamiere si presenta con la divisione Armet. Già leader di mercato nella produzione di arredi metallici, Armet lancia oggi il nuovo progetto Arko, linea dal design esclusivo ed innovativo, risultato di una ricerca estetica unita alle più evolute tecnologie produttive dove colore, forma, decoro e dettagli accurati trasformano il guardaroba da mero contenitore a versatile e gradevole elemento d’arredo.


Babini

Anticonformismo, rottura degli schemi e delle regole per dare libertà alle idee: Babini trasforma l’ufficio in un luogo rappresentativo e funzionale dove l’uomo, fautore del suo lavoro, può esprimersi al meglio. Ecco allora il trait d’union delle proposte dell’azienda: completezza, modularità e versatilità, per avere sempre tutto a portata di mano, ma anche estrema attenzione a soddisfare lo sguardo più critico con design innovativi, moderni e mai scontati.


Della Rovere

Ricerca, innovazione e capacità di anticipazione delle tendenze sono i tratti distintivi della marchigiana Della Rovere i cui ambienti di lavoro sono pensati e realizzati per l’uomo e per il suo benessere miscelando sapientemente ricerca tecnologica, design italiano e perizia artigianale con una capacità produttiva industriale a basso impatto ambientale. Nasce così nuova collezione presentata in anteprima al Salone Ufficio, mix di eleganza, design e funzionalità che si distingue per gli innovativi materiali utilizzati, assolutamente originali nel settore arredo ufficio, e ribalta la concezione di vivere l’ufficio. Ideata da Karim Rashid, designer di fama internazionale ed ospite d’onore alla manifestazione meneghina, in Uno e Zero gli elementi plastici utilizzati avvolgono in maniera naturale l’uomo ed il suo benessere nell’ambiente di lavoro.


Della Valentina

Della Valentina si presenta con una coppia d’assi: due nuove linee, una direzionale, Planeta, ed una operativa, Gap. Elegante e minimale la prima, nata dall’unione di funzionalità ed audaci accostamenti cromatici, Planeta si caratterizza per i suoi mobili di servizio portanti proposti in due diverse profondità. Semplice ed essenziale, Gap pone invece l’accento sulle funzionalità e fruibilità della postazione di lavoro condivisa con una particolare attenzione al dettaglio: le gambe a U, in tubolare d’acciaio a sezione trapezoidale e verniciate in vari colori, donano solidità ed allo stesso tempo leggerezza.


Dieffebi

Segno distintivo delle proposte Dieffebi è la flessibilità che, nella bellezza del metallo, trova la sua materia elettiva: naturale, solido, resistente ed interamente riciclabile. L’acciaio con cui sono realizzati i mobili di Dieffebi infatti è già riciclato del 30% così da renderne il loro ciclo di vita praticamente infinito. Ne nascono proposte versatili e capaci di soddisfare ogni esigenza lavorativa nel pieno rispetto ambientale. Tra le novità presenti c-book, nuova libreria modulare componibile, e i complementi della linea Primo, che integrano e completano la linea che, dal 2004, è tra le preferite per l’ufficio Made in Italy.


Forsit

Funzionalità e raffinatezza sono le due parole chiave che caratterizzano le nuove sedute direzionali Neo Chair di Forsit: disegnata seguendo le linee retrò che rimandano al connubio tra sport ed eleganza delle Spider anni ’60, la linea incarna il livello più alto nella ricercatezza di design e forma, adatta per il manager che ama distinguersi ma anche per il professionista più raffinato. Impreziosita da cromature glamour e segnata dalle cuciture a vista sugli schienali imbottiti, Neo Chair garantisce comodità ed esclusività personalizzate da un gusto fashion.


Frezza

Ideando, sviluppando ed evolvendo sempre nuove proposte per l’office solution, Frezza introduce My Desk. Sfida e stimolo per continuare ad operare con la filosofia che la contraddistingue, fatta di attenzione ambientale ed innovazione estetica e funzionale, il sistema ufficio sublima i concetti di modularità ed aggregabilità con soluzioni singole, operativi multipli aggregati o in appoggio, tavoli riunione ed executive, pareti polivalenti modulari. Il risultato finale è un prodotto giovane e funzionale, elegante e prezioso dove privacy e concentrazione sono garantite e dove, grazie a tre diverse decorazioni che giocano con forme, colori e combinazioni, la personalizzazione non è più opzionale, ma obbligatoria.


Full

Periodo di grande fermento in casa Full: la grande novità è la presentazione del suo rielaborato marchio Full Office Furniture, a testimonianza dell’evoluzione avvenuta all’interno dell’azienda abruzzese. Sempre più proiettata al futuro, piena, ovvero ricca di nuove proposte, progetti ed idee, Full oltre a presentare ufficialmente il nuovo logo, suggerisce linee e famiglie sia nuove che rielaborate come Logica, progetto direzionale in legno noce o ebano con basamenti monolitici in alluminio, od Opera, ampliata con nuove versioni laccate ed una nuova struttura portante.

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>