Real Estate: il mercato immobiliare e l’economia in Spagna

Si prevede che la Spagna si avvii a concludere un ciclo positivo decennale che porterà ad una sensibile contrazione sul mercato immobiliare. La saturazione di alcuni mercati, l’aumento eccezionale dei prezzi delle case e dei mutui ipotecari sono la causa principale della crisi. La speranza, secondo alcuni osservatori, è che il settore sia garantito in futuro dagli investitori esteri e dagli immigrati che rappresentano oramai il 10% della popolazione spagnola.

  • Uffici
    Sempre elevata la domanda di uffici in Spagna, con conseguenti riflessi sugli affitti, sempre in rialzo, e sui rendimenti, in calo, che suggeriscono un approccio conservativo al mercato. Il livello di take-up rimane piuttosto elevato in tutto il Paese, determinando una costante flessione del vacancy rate. Per far fronte alle numerose richieste di mercato, molti progetti sono in fase di sviluppo così da accrescere il livello dell’offerta.

  • Retail
    Nonostante nel primo semestre 2007 non si siano concluse molte operazioni di transazione, il settore è ancora molto dinamico ed appetibile per gli investitori nazionali e soprattutto internazionali. La domanda vivace determina un consequenziale incremento dei canoni medi di locazione il cui valore più elevato si riscontra a Madrid in via Preciados (5.400 euro/mq/mese). La scarsa offerta, a fronte di una domanda elevata, determina un incremento del tasso medio annuo dei canoni di locazione particolarmente sostenuto a Barcellona, Valencia e Malaga. Il settore dei centri commerciali in Spagna è caratterizzato da un’offerta in forte crescita; per i prossimi 3 anni si prevede un potenziale di 2,5 milioni di mq di nuovi spazi. Nel 2006 in tutto il Paese sono stati completati 1.025 milioni di mq (34 nuovi progetti e 12 estensioni di strutture già esistenti), cosicché all’inizio del 2007 lo stock totale sfiora 12 milioni di mq (distribuito in 539 centri commerciali).

  • Industriale
    Spinto da una buona situazione economica, il mercato spagnolo della logistica ha attratto l’interesse degli investitori. La domanda si posiziona su ottimi livelli, mentre l’offerta è ancora un po’ bassa. Nel terzo trimestre 2007, i canoni di locazione a Barcellona rimangono stabili, ma rimangono comunque i più alti in Spagna raggiungendo anche punte di 8,50 euro/mq/mese.
    (Fonte: Agenzia del Demanio, ottobre 2007)


    Il mercato immobiliare e l’economia della Spagna, a cura di Nomisma
    [scarica il documento .pdf 964 KB]


    Potrebbe interessarti:

      None Found

  • Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>