Orgatec 2010: una passeggiata tra gli stand – prima puntata: il padiglione 6.

A breve distanza dalla chiusura di Orgatec 2010, la fiera dedicata all’arredo ufficio che si è svolta a Colonia dal 26 al 30 Ottobre, presentiamo alcune novità in mostra negli stand visitati durante il nostro giro in fiera nei cinque padiglioni della manifestazione. Di seguito le novità delle prime aziende presenti al padiglione 6. Nelle prossime settimane pubblicheremo anche gli altri padiglioni.

HAWORTH
Haworth era presente ad Orgatec con un affascinante stand di 800 mq con diverse novità tra cui spiccavano le pareti mobili vetrate e cieche Esedra³ sviluppate da Haworth Design Studio.
La novità principale delle pareti Esedra³ è il profilo principale a tre vie che può supportare moduli vetrati e ciechi, singoli o doppi, senza soluzione di continuità, pensato per garantire ai progettisti la massima flessibilità di configurazione.
Altri plus di Esedra³ sono le alte prestazioni di isolamento acustico, con livelli di isolamento differenziati, l’integrazione del cablaggio e corpi illuminanti e una vastissima gamma di finiture.
Un’altra new entry allo stand Haworth era il sistema operativo UpToYou, per creare postazioni singole, condivise, bench e tavoli riunione. UpToYou è caratterizzato dal numero ridotto di parti intercambiabili che lo rendono estremamente economico e facile da installare e riconfigurare. Interessanti anche i contenitori del sistema UpToYou che possono essere separati o integrati alle scrivanie e sostituire le gambe dei tavoli per ridurne il numero dei componenti.

Photogallery

HERMAN MILLER
Punta di diamante allo stand di Herman Miller era la nuova collezione di sedute SAYL disegnate con Yves Béhar, fondatore di Fuseproject, azienda di design di marchi e prodotti con sede a San Francisco.
Nel progettare la linea SAYL, che comprende sedute da lavoro e visitatori, l’obiettivo è stato garantire all’utilizzatore un senso di libertà senza precedenti attraverso un design confortevole con l’utilizzo dei materiali meno costosi.
Le nuove sedute SAYL assicurano infatti il massimo comfort grazie all’innovativo schienale a sospensione 3D™ privo di intelaiatura esterna rigida e imbottiture. Gradi diversi di tensione applicati direttamente al materiale dello schienale pressofuso consentono il sostegno della zona sacrale, lombare e dell’intera colonna vertebrale e, associati a “punti cardine” posti in posizioni strategiche, forniscono un supporto simile all’innovativo sistema PostureFit® adottato da Herman Miller per la sedia Aeron®.
Con SAYL si ha tutto ciò che ci si aspetta da Herman Miller: ergonomia per il benessere, progressi nei materiali e performance, una garanzia di 12 anni, la responsabilità ambientale e un prezzo molto accessibile.

Photogallery

HUMANSCALE  
Tra le novità in esposizione nello stand di Humanscale spicca Diffrient World Chair, la nuova seduta ergonomica con sedile e schienale in rete che garantisce comfort e semplicità d’uso.
Così come è stato per l’innovativo schienale di Liberty, anche Diffrient World assicura il medesimo comfort utilizzando l’identica tipologia di rete che, disegnata a tre maglie, offre un incomparabile supporto del tratto lombare e dorsale, come se fosse confezionata su misura, riducendo al minimo la pressione sui muscoli posteriori delle cosce.  
Bella e innovativa, Diffrient World Chair dispone inoltre di una tecnologia ispirata dai principi della dinamica: libertà dei movimenti, schienale regolabile in modo automatico e bilanciato con il peso dell’utilizzatore.
In grande evidenza anche il nuovo braccio porta video M8, composto da un doppio braccio regolabile in altezza, larghezza e profondità che può ospitare la quasi totalità dei monitor presenti oggi sul mercato e fino ad un peso di 19 kg. circa. 

Photogallery

QUADRIFOGLIO
La veneta Quadrifoglio, presente ad Orgatec con i due marchi Quadrifoglio e Officity, ha presentato i suoi prodotti in un grandioso stand di 800 mq.
La novità principale è la serie di scrivanie direzionali e tavoli riunione X8, firmata Officity, il marchio nato da circa tre anni che propone arredi di design e di alto livello. Il direzionale X8 è infatti un prodotto pensato per il manager moderno che richiede arredi di design belli e funzionali con forme leggere e non opulente.
Nel concepire X8 è stata posta molta attenzione alla struttura delle scrivanie e dei tavoli pensata per ampliare le superfici di lavoro senza appesantire le forme. Elemento caratterizzante del sistema è il design della gamba ispirata nelle forme alla natura e caratterizzata dalla leggerezza della forma e dal profilo molto sottile.
Il concetto di natura viene ripreso anche in altri elementi, ad esempio nei mobili di servizio, con una foratura geometrica che stilizza la forma delle foglie.
X8 fa’ un passo avanti anche nelle finiture: per dare sobrietà e leggerezza alle forme domina l’opacità, dall’antracite al bianco delle strutture, all’opaco di un nuovo vetro che al tatto offre sensazioni sconosciute alle superfici vitree.


Photogallery

GRUPPO FURSYS
Ergonomia e comfort sono le parole d’ordine della nuova serie di sedute T60 disegnate da Claudio Bellini e prodotte da Sidiz, società del gruppo coreano Fursys.
Le sedute T60 assicurano il comfort attraverso l’efficace combinazione di materiali e forme: una peculiarità è lo schienale “Climaflex”, realizzato in materiale plastico con inserto centrale in schiumato microforato e tessuto che favorisce il comfort e la traspirazione.
La collezione di sedute T60 è stata progettata anche per assicurare il facile smontaggio dei componenti per favorirne il riciclo.

Photogallery

NEWFORM UFFICIO
Il nuovo arredo presidenziale Imperial di Newform ufficio presentato ad Orgatec è una sintesi di passione, tradizione e design dove elementi naturali come la pietra si fondono con le decorazioni artigiane.
Materiali e finiture riportano alla mente antiche superfici da toccare, morbide e vellutate, il cui lo stile viene reinterpretato in chiave moderna.
Gli elementi decorativi sono scolpiti e decorati a mano in stile impero.
Imperial è una proposta che supera lo steccato della dicotomia classico-moderno; essa destruttura il concetto di classico, lo attualizza e lo rende contemporaneo, adattandolo ai gusti moderni, conservandone le atmosfere, le linee, i tratti artigianali delle finiture. La composizione riportata nell’immagine è in frassino spazzolato, tinta Carbon, con decorazioni argento. Piano in marmo Carrara, profilo Imperiale spessore cm. 3, lavorazione a capitello.

Photogallery

WILKHAHN
Tra le novità di Wilkhahn la nuova collezione di poltroncine Graph disegnata da Markus Jehs e Jurgen Laub.
Connotate dal design ricercato ed elegante, le poltroncine Graph si posizionano in un mercato di fascia alta. Una particolarità è la scocca dall’aspetto geometrico e squadrato con sedile e schienale separati in modo molto accentuato e uniti soltanto dai braccioli che rappresentano l’elemento di “trait d’union” di sedile e schienale. Un aspetto che conferisce alla poltrona la massima leggerezza visiva accentuandone il fascino estetico.
Altra peculiarità di Graph è il caratteristico supporto a Y del sedile che appoggia sulla base a quattro razze in alluminio pressofuso.
Le poltroncine sono destinate principalmente a spazi conferenza e riunione, ma adatte anche per spazi domestici.

Photogallery

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>