La Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana a Renzo Piano

Sono in mostra fino al 25 giugno alla Triennale di Milano i progetti vincitori e selezionati del premio “Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana 2006”.

La giuria di questa seconda edizione composta da Pio Baldi, David Chipperfield, Jean–Louis Cohen, Fulvio Irace e Arata Isozaki, ha attribuito il riconoscimento a Renzo Piano, per il suo progetto dell’High Museum of Art di Atlanta.

Organizzato e promosso dalla Triennale di Milano con la Darc, Direzione Generale per l’architettura e l’arte contemporanea, l’evento, che ha cadenza triennale, ha inoltre premiato:


Categoria Premio Progetto Localizzazione Anno Autori

Medaglia d’Oro High Museum of Arts, Village for the Arts, Woodruff Arts Center Atlanta, Usa 2003-2005 Renzo Piano Building Workshop

Premio Speciale Opera Prima Edificio per laboratori Università di Roma Tor Vergata Roma 2003-2004 Ian+

Premio Speciale per il Restauro Restauro del Grattacielo Pirelli Milano Corvino+Multari e Sarno

Menzione d’Onore – Spazi e Infrastrutture Pubbliche Sistemazione dell’area a mare “Foro italico” in Palermo Palermo 2005 Studio Italo Rota & Partners
Menzione d’Onore – Spazi e Infrastrutture Pubbliche Riqualificazione degli spazi pubblici di Via Basso al quartiere Gratosoglio Milano 2001-2003 Cino Zucchi Architetti
Menzione d’Onore – Abitare Casa unifamiliare Baglio-Fallisi Contrada Piana, Buccheri (SR) 2003-2004 Gianfranco Gianfriddo, Luigi Pellegrino
Menzione d’Onore – Abitare Villaggio Olimpico Torino 2006 in area ex-Mercati Generali – lotto 4 Torino 2003-2005 Benedetto Camerana e Giorgio Rosental
Menzione d’Onore – Cultura e Tempo Libero Ampliamento e ristrutturazione della British School at Rome Roma 2003 Garofalo Miura Architetti
Menzione d’Onore – Salute e Benessere Centro socio-sanitario residenziale per sordociechi Lesmo (MI) 2004 Guidarini & Salvadeo
Menzione d’Onore – Salute e Benessere Stabilimento balneare sul Lago del Segrino Eupilio, Como 2003-2004 Marco Castelletti
Premio Speciale alla Committenza Edificio Direzione Ferrari Maranello 2004 Massimiliano Fuksas
Menzione d’Onore – Educazione Scuola dell’infanzia Covolo di Pederobba 2003-2005 C+S Associati
Menzione d’Onore – Attività Produttive e per il Pubblico Uffici Smeg S.Girolamo di Guastalla (RE) 2004 Guido Canali – Canali Associati

Ha scritto Fulvio Irace, coordinatore della giuria del premio: “L’High Museum of Art di Atlanta rappresenta al meglio l’idea di progetto di Renzo Piano: riflette appieno la sua capacità di risolvere creativamente i temi connessi alle performance funzionali degli edifici e contemporaneamente di perseguire una visione della costruzione all’interno della tradizione italiana del disegno urbano. L’attribuzione della Medaglia d’Oro al nuovo museo di Atlanta vuole testimoniare la sua capacità di dispiegare in maniera autorevole e convincente le doti di lettura della complessità urbana, rilanciando un’interpretazione del tema museale al di fuori dei correnti schemi della spettacolarità formale e ancorandola invece al dettato di una vocazione sociale dell’istituzione spesso sottovalutata o sacrificata in favore di quel carisma mediatico richiesto all’architettura come scotto per una sua dubbia popolarità. Il carisma dell’architettura di Piano sta nel suo deliberato carattere antieroico: la sua insofferenza alle questioni di linguaggio come sistema preordinato di soluzioni formali corrisponde, infatti, alla simmetrica e ostinata convinzione della natura sperimentale della costruzione che ammette l’affinamento dello standard come utile garanzia della qualità del risultato. Se in questa posizione è possibile leggere una indiretta denuncia della rincorsa alla spettacolarizzazione imboccata da conservatori e direttori di fondazioni come alibi per aumentare la popolarità dei loro musei, il realismo progettuale di Piano offre tuttavia solide vie d’uscita alla composizione dei complessi fattori che si celano dietro le semplici proposizioni formali”.

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>