La luce tra tecnologia e arte

Nella Basilica di Sant’Anastasia di Verona è stato recentemente ultimato il rifacimento dell’impianto di illuminazione con l’introduzione delle moderne tecnologie per l’automazione e la gestione grazie all’applicazione del sistema di controllo che utilizza i componenti intelligenti Abb i-bus Eib/Knx.

Il progetto illuminotecnico ha portato alla realizzazione di un impianto che comprende 200 lampade, per un totale di 25kW di potenza impegnata. Il supporto tecnologico ideale è stato identificato in un sistema di building automation in tecnica bus in grado di gestire in modo flessibile le molteplici funzionalità richieste, dall’illuminazione normale della chiesa, in cui sono accesi solo i lampadari di origine seicentesca collocati sulle dodici colonne che suddividono le tre navate, fino alla piena luminosità utilizzata nel caso di particolari cerimonie liturgiche o in occasione di concerti.

Il valore aggiunto apportato dal nuovo impianto di illuminazione è rappresentato dalla possibilità di impostare un’ampia scelta di scenari luminosi, ossia una selezione di accensioni di luci specifica per ogni circostanza, che possono poi essere gestiti con un unico comando per ciascuna combinazione. Per una realtà complessa come Sant’Anastasia sono state configurate differenti tipologie di scenari luminosi attivabili anche a orari prestabiliti:

  • per visita turistica dei percorsi artistici della chiesa;
  • per le funzioni religiose e in particolare le messe feriali, le messe festive ordinarie e solenni e in caso di concerti; scenari impostati per ciascuna delle due cappelle maggiori: la Cappella Giusti e la maestosa Cappella del Rosario;
  • scenari di servizio come ‘tutto spento’ e ‘percorso di ingresso’ comandati, ciascuno, da un proprio pulsante. Il sistema consente infine di programmare e di effettuare centralmente la regolazione del livello di luminosità.

    Grazie alle caratteristiche funzionali di questi sistemi, tutti gli scenari possono essere modificati in qualunque momento risultasse necessario, semplicemente intervenendo attraverso l’apposito software, senza necessità di modificare i collegamenti elettrici.

    Potrebbe interessarti:

      None Found

  • Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>