La luce di Targetti alla Biennale Architettura

La luce entra in Biennale, non da comparsa, ma da protagonista, elemento vivo e integrante dell’architettura e della manifestazione stessa. Alla decima edizione della rassegna, il ruolo primario della luce nella progettazione architettonica ottiene dunque il suo ufficiale riconoscimento.

Tramite di questa innovazione nella storia della Biennale, è l’azienda fiorentina Targetti, leader storica dell’illuminazione architettonica per interni ed esterni e da quest’anno partner ufficiale della Mostra. Porta la sua firma, infatti, l’Info Light Box, un grande cubo luminoso in policarbonato sui cui 80mila led a luce dinamica e colorata scorrono immagini, video informativi e contenuti della manifestazione. Disegnato dall’architetto Pino Brugellis, l’Info Light Box è costituito da 12 pannelli di SmartsLab, un prodotto brevettato e commercializzato in esclusiva da Targetti che alla Biennale di Venezia fa quest’anno il suo debutto applicativo.

“Sia dal punto di vista illuminotecnico che in quello della comunicazione digitale, siamo di fronte a un’evoluzione – precisano in azienda –, ma è in chiave simbolica che l’Info Light Box esercita le sue migliori suggestioni. Costituito di pura luce in movimento e collocato significativamente all’ingresso della Mostra, il messaggio che intende veicolare è un riconoscimento esplicito del ruolo d’indirizzo che la luce svolge non solo nella progettazione delle moderne metropoli, ma come specchio fedele, talvolta volutamente deformante, delle sue mutazioni”.


Database prodotti Targetti


Scheda azienda Targetti


Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>