Incontro con Citterio spa a Sirone

Con questa intervista si amplia la nuova rubrica di OfficeBit dedicata agli incontri con i protagonisti del progetto, inteso in tutte le sue declinazioni: dal concept al design del prodotto, dall’immagine alla comunicazione.



Incontro con Citterio spa a Sirone

a cura di Alessandro Roj


OfficeBit ha incontrato Citterio spa, azienda leader in Europa nella produzione di partizioni e arredi per l’ufficio. Fondata nei primi anni Sessanta, quando si occupava di arredamento per ambienti residenziali, arriva ad affermarsi nel settore ufficio negli anni Settanta con l’invenzione dell’innovativa interparete. L’incontro si è svolto in un clima cordiale ed informale. Abbiamo visitato lo stabilimento di Sirone e parlato direttamente con il direttore generale architetto Vittorio Veggetti, anima commerciale e allo stesso tempo responsabile della comunicazione aziendale.

Prima di introdurre i temi affrontati, merita una presentazione lo stabilimento di produzione, fiore all’occhiello e cuore pulsante dell’intera azienda, affidato alla gestione del Dott. Paolo Citterio. In questo stabilimento di circa 21.000 mq abbiamo potuto osservare la cura, la meticolosità e l’attenzione che vengono riservate alle varia fasi di lavorazione. La lavorazione che ci ha colpito di più, non certo per dimensione ma per accuratezza, è stata la lavorazione del legno, dove l’addetto, utilizzando macchinari manuali, taglia e cuce, nel vero senso della parola, i fogli di legno che verranno impiallacciati alle pareti, un vero e proprio lavoro sartoriale.

Il giro dello stabilimento si è concluso con la visita allo showroom, un’area dedicata alla presentazione delle ultime novità di prodotto. Allestita con grande gusto ed eleganza, ma in una posizione un po’ nascosta, l’esposizione ospita i prodotti dedicati alla casa e all’ufficio. Nell’area ufficio dominava l’ultima parete Cisei, la nuova parete divisoria modulare caratterizzata dal concetto di monoblocco ispezionabile, presentata in alcune delle sue varianti. Mentre nella parte dedicata alla casa abbiamo trovato Frame, sistema di arredamento modulare, Add, un tavolo fortemente caratterizzato dalle doghe in alluminio e Team, una nuova linea di porte per ambienti residenziali, ultima novità nel portafoglio prodotti di Citterio spa.

Quali materiali e quale tecnologia in Citterio spa?
Negli ultimi anni la produzione aziendale, una volta completamente dedicata alla lavorazione del legno, si è gradualmente spostata verso la lavorazione di altri materiali, come l’alluminio e il vetro, che ad oggi rappresentano il 30% dell’intera produzione. Nonostante i macchinari siano di ultima generazione, e si noti una ricerca nell’automazione dei processi, la presenza delle persone è ancora molto rilevante.

Qual è stato l’andamento del mercato negli ultimi anni?
È quasi inutile rimarcare quale sia stato l’andamento del mercato degli ultimi 3 anni: diciamo soltanto che è stato fortemente negativo. In questo scenario, anche Citterio spa ha dovuto destreggiarsi cercando di salvaguardare lo stato di salute dell’azienda. A differenza di altre realtà, è però riuscita, non senza difficoltà, a mantenere sempre in utile il proprio bilancio. Questo denota una particolare attenzione ai costi di gestione e l’applicazione di una politica commerciale prudente ed efficace, che probabilmente ha impedito la ‘rincorsa alla commessa’ a qualunque costo.

Come l’azienda ha affrontato questo periodo?
Citterio spa ha avviato un’analisi sul proprio posizionamento, sulle potenzialità da sviluppare e sulle sinergie da ricercare all’interno del proprio gruppo (Molteni, Unifor e Dada). Partendo dai punti di forza: qualità e personalizzazione del prodotto, servizio artigianale, produzione industriale, l’azienda ha capito che una delle leve su cui lavorare è la distribuzione, che deve essere necessariamente più fedele e più capillare. Questo è un punto debole per tutto il settore, la distribuzione estremamente polverizzata e multimarca, non consente un controllo completo del proprio prodotto. A suo vantaggio, Citterio spa ha nel cassetto la possibilità di ottenere il massimo rendimento dalle sinergie del gruppo di cui fa parte: non sarà così semplice ma è sicuramente un’opportunità da sfruttare a fondo. In momenti di mercato particolarmente difficili come in questi ultimi anni, la possibilità di massimizzare le sinergie tra le proprie linee di prodotto (casa e ufficio) e quelle del gruppo, possono portare a risultati molto positivi.

Quali progetti per il futuro di Citterio spa?
Un obiettivo aziendale dei prossimi anni è l’aumento delle esportazioni. L’azienda ha un grosso potenziale da esprimere verso i mercati internazionali più esigenti, dove la ricerca della qualità, del servizio e della personalizzazione del prodotto diventano elementi vincenti. Oggi la quota di esportazione di Citterio spa si attesta intorno al 20%. Per ultimo, ma sicuramente non meno importante, è il continuo investimento nella ricerca di nuovi prodotti, l’apertura dell’azienda anche a nuove tipologie di prodotto, come le porte, è un segnale forte della volontà di sfruttare al massimo quei vantaggi che derivano dall’operare in linee di prodotti confinanti, che abbiano come denominatore comune la qualità e l’eleganza.


Database prodotti Citterio


Scheda azienda Citterio


Realizzazioni Citterio


Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>