Il mobile per ufficio in Europa. Parte terza: sedute, pareti, archiviazione

Nel 2005 la produzione europea di sedute ha raggiunto un valore di 2.347 milioni di euro con un aumento del +4% rispetto all’anno precedente. Quello delle sedute è un comparto che negli ultimi due anni è cresciuto con una dinamica più rapida rispetto al desking per ufficio. Tra le spiegazioni del fenomeno la minor durata utile del bene, che conduce ad un tasso medio di rinnovo generalmente più elevato, e il forte incremento del segmento home office, che rende l’acquisto della seduta prioritario rispetto all’acquisto delle scrivanie (spesso sostituite da tavoli o consolle già presenti in casa). Non trascurabili anche gli aspetti legati alle continue evoluzioni tecnologiche e ai plus conferiti al prodotto seduta (caratteristiche ergonomiche) che costituiscono un efficace strumento di marketing da parte delle aziende per aumentare il valore del prodotto. L’attenzione dei consumatori alla qualità del prodotto sembra essere più elevata nell’ambito delle sedute che negli altri prodotti che compongono l’arredo per ufficio. Nel comparto operano alcuni produttori leader che nascono come fortemente specializzati e che solo in anni più recenti hanno ampliato il range di prodotti offerti per andare incontro alle esigenze del mercato.

Il comparto delle pareti ha registrato nel corso del 2005 una crescita significativa del +8% raggiungendo un valore di 454 milioni di euro. Tale valore prende in considerazione tutte le tipologie di pareti sia divisorie che attrezzate. Le tendenze più recenti da parte delle aziende di ampliare la propria offerta di servizi, principalmente in ambito progettazione ed organizzazione degli spazi, ha fatto si che il prodotto parete entrasse a far parte del portafoglio prodotti anche delle aziende che in passato non producevano tale tipologia.

I sistemi di classificazione e i mobili contenitori rappresentano il 13% della produzione europea di mobili per ufficio con un valore di 1.051 milioni di euro. Il comparto ‘classificazione’ può essere suddiviso in due segmenti, quello dei ‘sistemi di archiviazione’, di cui si stima un fatturato di 158 milioni di euro, e quello degli ‘armadi e contenitori da ufficio’, che realizza un fatturato di 893 milioni di euro. Il primo segmento rappresenta una nicchia che richiede una vera e propria specializzazione nelle tecnologie produttive ed è costituito principalmente da prodotti in metallo. I prodotti del secondo segmento compongono parte integrante del portafoglio di numerose imprese del settore.

Europa. Produzione di mobili per ufficio.
Ripartizione per tipologia, 1999-2005.
Quote percentuali.

(Fonte ed elaborazione: Csil, ottobre 2006)


Struttura dell’offerta e tipologie di prodotto nel mobile per ufficio in Europa (parte prima)


Il mobile per ufficio in Europa. Parte seconda: sistemi di arredo


Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>