Il mercato mondiale del mobile 2008

Alla fine del 2007 il commercio internazionale di mobili si presenta in aumento ma con tassi di crescita inferiori a quelli degli ultimi anni. In dollari Usa correnti è previsto un aumento da 91 miliardi nel 2006 a 97 nel 2007 e ad oltre 100 nel 2008.

Il consumo mondiale di mobili valutato a prezzi di produzione (escluso il markup per la distribuzione) è attualmente di circa 310 miliardi di dollari Usa. Il grado di apertura dei mercati (cioè il rapporto fra importazioni e consumi) è passato dal 20% nel 1997 al 30% nel 2006.

I principali Paesi importatori di mobili sono Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Francia e Canada. Le importazioni degli Stati Uniti sono state il motore principale della crescita del commercio mondiale di mobili fino al 2006 ma sono attualmente stazionarie. Continua invece la crescita delle importazioni nei principali mercati europei.


Il commercio mondiale di mobili. Principali Paesi importatori, 1997-2007
Miliardi di dollari Usa correnti

(Fonte: Onu, Eurostat, Csil, dicembre 2007)

L’Italia, che era il più grande Paese esportatore di mobili a livello mondiale, è stata ormai superata dalla Cina che ha visto crescere le sue esportazioni da circa 2 miliardi nel 1997 a 20 miliardi di dollari nel 2007. È importante osservare che queste statistiche indicano il Paese di origine delle esportazioni indipendentemente dalla nazionalità dei proprietari delle imprese. In realtà molti nuovi impianti in Paesi emergenti (Cina, Polonia, Romania, Brasile) sono di fatto controllati, attraverso partecipazioni azionarie o a mezzo di accordi tecnici e di marketing, da società europee ed americane che frammentano le loro attività produttive per conservare e rafforzare la loro competitività complessiva e nel caso dei produttori italiani di mobili questo sta avvenendo in vari Paesi (Cina, Romania, Brasile, Croazia, ecc.).


Il commercio mondiale di mobili. Principali Paesi esportatori, 1997-2007
Miliardi di dollari Usa correnti
(Fonte: Onu, Eurostat, Csil, dicembre 2007)

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>