I protagonisti di Build Up Expo

Ha raggiunto il traguardo delle 745 aziende espositrici, che hanno occupato 40mila mq di cinque padiglioni, la prima edizione di Build UP Expo, la nuova Fiera dell’Architettura e delle Costruzioni, promossa da Rassegne e Fiera Milano, rivolta al mondo della progettazione e della produzione di materiali e componenti per l’edilizia.

“Con Build UP Expo – ha spiegato Marco Pessina, amministratore delegato di Rassegne – abbiamo voluto superare lo standard tradizionale di fiera, che fa riferimento all’esposizione di categorie di prodotto, per proporre una manifestazione di sistema al cui centro è la progettazione e attorno a cui ruota tutto il macrocomparto, senza soluzione di continuità”. E Corrado Peraboni, presidente di Rassegne e presidente del Capitolo europeo dell’Ufi, Unione delle fiere internazionali, ha aggiunto: “Visitando la manifestazione si è potuto cogliere uno spaccato del settore delle costruzioni e della progettazione sicuramente unico in Italia e piuttosto raro anche in ambito internazionale. A questa completezza, assicurata dal numero e dalla qualità degli espositori, dobbiamo aggiungere la contemporaneità di EnerMotive e LivinLuce, organizzate da Fiera Milano Tech, che hanno offerto agli operatori un panorama ancora più ampio e variegato”.

Build Up Expo ha messo in evidenza come oggi un’esposizione non sia più soltanto una vetrina di prodotti, ma significhi anche aggiornamento professionale, formazione continua e scambio di notizie. Di seguito alcune proposte presentate nei giorni della manifestazione.

(cliccare sulle foto per ingrandirle).



In occasione della manifestazione milanese, Armstrong ha presentato la collezione Canopy, caratterizzata da flessibilità e semplicità di installazione che consentono di personalizzare gli spazi e creare condizioni ottimali di acustica e vivibilità; i materiali utilizzati, infatti, riducono il riverbero incrementando l’intelligibilità del parlato.



Con la propria gamma di prodotti Babini Office è riuscita a ‘captare’ l’evoluzione e i mutamenti che in questi ultimi anni hanno interessato il mondo dell’arredo per ufficio. L’azienda progetta e realizza soluzioni d’arredo che rispondono a tutte le problematiche più attuali: variabilità dei layout, lavoro di gruppo, condivisione delle postazioni, accoglienza, ufficio nomade ed home office.


GranitiFiandre si è ispirata al prezioso materiale per creare una nuova collezione: Platinum. Molteplici le sfaccettature che caratterizzano ogni singolo pezzo, le cui texture, (a quadretti oppure a onda), ottenute con uno speciale impasto iridescente, donano alla collezione un effetto tridimensionale. Il materiale risponde ai più alti standard qualitativi e le trame, dalle cromie cangianti, offrono nuovi orizzonti progettuali e applicativi.


La gamma dei prodotti L’Invisibile di Portarredo si amplia con il modello Scorrevole Automatico, totalmente a filo muro. L’apertura avviene tramite un pulsante, anch’esso complanare, e il pannello può essere predisposto per l’apertura manuale grazie a maniglie a incasso. Dimensioni 100×240 cm.



Nello stand progettato dall’Atelier Mendini, Mondo, leader mondiale nella produzione di pavimentazioni sportive e di spazi pubblici, ha esposto la nuova gamma Pixel in pvc, proposta in 20 fantasie coordinate a 20 colori tono su tono, realizzate in collaborazione con l’Osservatorio del Colore.


I sistemi di pareti di Nordwall consento l’articolazione degli spazi ufficio con pannelli in vetro temperato mono (Idea) o doppia lastra (Duo) o con pareti divisorie (Extra) e attrezzabili (Diva) che si completano con i sistemi operativi Square e di archiviazione Dama.


Pav.One mette a disposizione pavimenti autolivellanti in cemento e resina (divisione civile) e calcestruzzo e resina (divisione industriale). La provata rsistenza, la vasta gamma di colori, la possibilità di intervenire sull’esistente senza onerose demolizioni, la praticità e l’igienicità ne fanno un prodotto innovativo ed economico.



La versatilità di Rezina è di grande effetto: consente infatti di realizzare superfici continue rivestite in resina applicabili su qualunque fondo, nuovo o preesistente, senza la necessità di demolizioni. Semplice e rapido da stendere, il pavimento è declinabile in una varietà cromatica quasi infinita, dove l’assenza di fughe favorisce l’igiene e la manutenzione.


Brio di Skema è disponibile in quattro formati (39×39, 59×29, 78×39, 59×59 cm, tutti spessore 10 mm) combinabili tra loro per poter realizzare allestimenti in libertà creativa. È disponibile anche già accoppiato con materassino fonoassorbente e in diversi decori, in catalogo anche nella versione pavimento sopraelevato Top Level.

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>