Glenn Gould e un nuovo sito per Cazzaro

In occasione del 75° anniversario dalla nascita del celebre pianista Glenn Gould (e il 25° dalla sua morte), Cazzaro, marchio italiano leader nella produzione di sedie per l’ufficio e spazi pubblici, ha voluto riprodurre fedelmente in esclusiva mondiale la famosa sedia del pianista canadese. Il progetto nasce nel dicembre del 2005 durante un incontro nel quale il designer francese René Bouchara ha convinto l’azienda padovana a intraprendere l’avventura.

Cazzaro ha accettato subito di progettare e produrre la sedia di Glenn Gould, una sedia diversa da qualsiasi altra, unica per molti motivi. La sua storia prima di tutto. In tutta la sua carriera l’artista, conosciuto nel mondo anche per la sua personalità eccentrica, in studio o in concerto aveva sempre voluto suonare il pianoforte seduto su quella sedia, talmente bassa da conferirgli una posizione particolare di fronte allo strumento. La sedia venne costruita nel 1953 dal padre, Bert Gould, partendo da una sedia pieghevole da bridge a cui vennero segate le gambe di 10 cm, dotandola successivamente di piedini regolabili. In una trasmissione radiofonica Gould raccontò del legame stretto, quasi indissolubile, con essa.

Nella realizzazione della sedia, Cazzaro ha voluto riprodurre fedelmente l’originale in ogni particolare. A questo scopo, l’azienda padovana ha incontrato i responsabili della Glenn Gould Estate e della Fondazione di Glenn Gould, e ha visitato la Biblioteca Nazionale del Canada dove la sedia è custodita.

In un mercato dove l’importate è produrre il più possibile al minimo costo, Cazzaro con il progetto della sedia di Glenn Gould propone un approccio diverso. Proprio grazie all’unicità dell’oggetto, alla storia intrinseca che lo contraddistingue, Cazzaro lo associa più a un pezzo da museo, il ‘migliore amico’ del pianista.

Cazzaro ha anche messo online il suo nuovo sito, leggero, ‘arioso’ e di facile navigazione.


Info Cazzaro Glenn Gould


Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>