Da OfficeBit Annual_2006. Interviste ai Protagonisti: Piero Lissoni e Paolo Citterio

In contemporanea con la pubblicazione del nostro Annual_2006, il volume che raccoglie quanto messo online nel corso del 2005 integrato con una serie di articoli e interviste appositamente realizzate, presentiamo il capitolo ‘Interviste ai Protagonisti’.

Le interviste, realizzate in esclusiva per l’Annual_2006, sono il risultato di una serie di incontri con le diverse figure cha partecipano alla catena del prodotto e che insieme concorrono al successo delle vendite e dell’immagine aziendale. Ripercorrere le specificità del contributo di ogni passaggio offre sicuramente molti spunti a tutti gli addetti ai lavori

A questa prima puntata seguiranno le prossime settimane quelle con altri protagonisti.



Piero Lissoni
Architetto e designer
“Il concept: l’idea del prodotto”

Quando il creativo incontra il manager: chi ha la meglio?
Non c’è più una separazione di ruoli tra manager e creativo, c’è invece un dialogo costante. Non c’è più una ragione dettata dal potere, c’è la ragione della ragione.

Quali sono gli elementi caratterizzanti di un prodotto per ufficio?
Vorrei ironizzare e ricordare le finte segretarie bruttine dei film anni Sessanta, come Marilyn Monroe, che si nascondevano dietro agli occhiali e ai capelli raccolti: quelle sì, che caratterizzavano gli uffici più delle scrivanie o delle sedie!

Dall’idea al disegno: quali strumenti?
Dall’idea al disegno il vero strumento è il tempo.



Paolo Citterio
Amministratore delegato Citterio
“La produzione: quali tecnologie, quali quantità, quali logiche imprenditoriali?”

Quanto contano la tecnologia, i materiali, il concept e la ‘propensione al rischio’?
La tecnologia, nel nostro settore, ha aiutato le aziende a riorganizzarsi, dando la possibilità di installare impianti che hanno fatto diventare moderne le aziende stesse. Impianti di sezionatura, squadra bordatura, foratura, imballaggio fatti su misura, legati alle reali esigenze delle singole realtà e installati per raggiungere gli obiettivi fissati dal mercato. La tecnologia aiuta a produrre. I materiali rispecchiamo il gusto del committente anche se nel nostro ambito la base classica è formata da: essenze, nobilitati, laccati, vetro, alluminio. Tali materiali possono essere trasformati e mixati per esprimere al massimo le esigenze del cliente. L’uso di tali materiali è esaltato dal presentare al committente un prodotto pensatO per essere funzionale ed estetico, soddisfacente le sue necessità. La propensione al rischio inizia dalla scelta di essere imprenditore in qualsiasi attività, soprattutto quando si sceglie un nuovo prodotto.

Quali sono le specificità produttive del settore ufficio rispetto al settore casa?
Il prodotto ufficio si colloca all’interno di una collettività grande o piccola che sia. È necessaria la funzionalità, l’ergonomia, la praticità d’uso e per questo esistono delle norme che ne influenzano il processo produttivo ed ancora prima la progettazione.

Qual è l’elemento distintivo dell’ufficio ‘Made in Italy’?
Aziende come la nostra pensano all’ufficio ‘Made in Italy’ come la proposta al mercato di un prodotto di serie, rifornibile nel tempo, smontabile, di facile manutenzione in chiave sartoriale.

Magazzino o just-in-time?
Citterio Spa lavora per lotti sul venduto. È impensabile oggi lavorare sul magazzino, mentre il just–in–time pensato alla giapponese non è applicabile in termini tecnici. Basti pensare alla impossibilità di mantenere attiva la produzione nel mese di agosto.




OfficeBit Annual_2006: richiedete subito la vostra copia!


Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>