Convegno “LightUp ’06. La luce, domani”

Giovedì 23 novembre 2006, al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia, si terrà il convegno “LightUp ’06. La luce, domani”, organizzato da Cavazzoni Associati con la collaborazione dell’Ordine degli Architetti di Reggio Emilia, del Politecnico di Milano e della Federazione dell’Ordine degli Architetti dell’Emilia Romagna.

L’incontro si pone come momento di riflessione e confronto sul tema della luce dal punto di vista architettonico, urbano ed artistico, sviluppandosi attraverso quattro nuclei principali: luce e spazio urbano; luce e spettacolo; luce e sicurezza; luce e benessere. La luce viene intesa come qualità d’illuminazione nello spazio pubblico (arredo urbano) e privato (uffici, negozi) sottolineando gli aspetti legati al benessere ed alla creatività senza tralasciare l’elemento tecnico, normativo e della sicurezza, all’interno di un panorama, quello italiano, che qualitativamente si presenta ancora distante dal resto d’Europa.

Per sviluppare la tematica in tutti i suoi molteplici aspetti si è scelto di mettere a confronto le diverse esperienze di noti progettisti, designer, tecnici, ricercatori, esponenti della Pubblica Amministrazione, coinvolgendo anche critici ed esperti appartenenti al mondo dello spettacolo e dell’arte contemporanea, chiamati ad allargare il dibattito al concetto di luce intesa come mezzo espressivo e di comunicazione.

L’intento è quello di porre l’attenzione su fenomeni ormai non più trascurabili, quale, ad esempio, la valorizzazione di precise zone all’interno del tessuto urbano, singolare strumento espressivo per creare una vera e propria operazione culturale.

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>