Contenuti digitali e utilizzo di Internet

L’Ispo, Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione, presieduto da Renato Mannheimer, ha rinnovato l’appuntamento con l’Osservatorio Aie (Associazione Italiana Editori) sull’editoria digitale, realizzando un’indagine quantitativa sulle modalità di accesso e di consumo dei contenuti digitali, intervistando un campione di più di 4.000 individui (4.336 per la precisione), rappresentativo della popolazione italiana superiore ai tredici anni per genere, età, titolo di studio, professione e zona geografica di residenza.

L’indagine ha esplorato l’evoluzione nel tempo del rapporto tra gli italiani e Internet. In particolare ha messo a fuoco questi temi:

  • l’uso di Internet per accedere ai contenuti editoriali e informativi;
  • le modalità di consultazione e conservazione dei contenuti editoriali/informativi disponibili on line da parte degli utenti;
  • la propensione ad accedere a pagamento a siti con contenuti informativi;
  • le opinioni degli italiani rispetto alla possibilità di effettuare acquisti su Internet;
  • le modalità di pagamento privilegiate per gli acquisti on line.

    I risultati
    L’avvento di Internet e delle nuove tecnologie ha allargato gli orizzonti della cultura e dell’informazione in termini di crescita del sapere e di voglia di sapere. Il 45% del campione intervistato ancora non usa il pc, tuttavia tra chi lo utilizza quasi tutti (ben 8 su 10) si collegano ad Internet. Il computer viene visto sempre più come strumento di comunicazione e non solo di lavoro ed elaborazione.

    Crescono ancora gli internauti: il 46% degli italiani si collega a Internet. Gli internauti sono cresciuti (dal 35% del 2002 al 43% del 2004, fino al 46%), arrivando a superare i 23 milioni. Tra i fruitori di Internet più della metà dichiarano di collegarsi spesso alla Rete per lavoro/studio o per svago/uso personale; solo il 15% si collega ad Internet raramente. L’80% degli internauti utilizza il Web per consultare contenuti editoriali/informativi.

    Le modalità di consultazione dei contenuti editoriali online: il 37% degli internauti è curiosa, ma c’è anche un 22% che accede solo per trovare ciò che serve. Le segmentazioni che emergono in funzione delle modalità di consultazione e di conservazione da parte degli internauti dei contenuti editoriali online evidenziano quattro tipi diversi di internauti:
  • Curiosi (37%) sono persone a cui piace navigare in Internet e lo fanno per tenersi informati un po’ su tutto. Sono soprattutto maschi, con livelli di istruzione elevati (diploma/ laurea), forti lettori di libri e quotidiani, si caratterizzano per un livello tecnologico individuale elevato.
  • Funzionali (22%) usano Internet soprattutto per lavoro/studio e generalmente conservano i contenuti digitali in un archivio temporaneo per poi buttarli quando non ne hanno più bisogno. Sono soprattutto i giovanissimi, le persone con livelli di istruzione inferiore e i pensionati.
  • Basici (24%) non manifestano particolare interesse per Internet e i contenuti digitali, navigano di rado. Si tratta delle persone con livello di istruzione inferiore, con un livello tecnologico basso, con scarsa attitudine alla lettura di quotidiani.
  • Ultimi Arrivati (17%) usano Internet con maggiore frequenza rispetto ai ‘Basici’, tuttavia si presume che non abbiano molta dimestichezza con la tecnologia.

    Propensione all’accesso a pagamento a servizi/siti di interesse? Sì, specie per contenuti editoriali legati al lavoro. I contenuti editoriali legati allo studio e all’attività professionale sono quelli per accedere ai quali gli italiani si mostrano più propensi al pagamento, ad ulteriore dimostrazione del fatto che Internet è da considerarsi soprattutto come mezzo per aggiornarsi e tenersi informati.

    Il quadro che emerge lascia intuire che l’editoria elettronica online sia arrivata a un punto di svolta e possa ragionevolmente ipotizzare un suo definitivo decollo: gli italiani vantano oggi una buona attrezzatura per l’uso e il consumo di contenuti digitali e, per quanto riguarda l’ipotesi di pagamento per accedere a servizi/ siti online, il panorama si presenta complessivamente positivo.
    (Fonte: Ispo per Osservatorio Aie 2005)

    Potrebbe interessarti:

      None Found

  • Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>