Congresso UIA: Transmitting Architecture a Torino

Torino torna alla ribalta dei riflettori internazionali con il prestigioso Congresso Mondiale dell’Architettura, che si svolgerà dal 29 giugno al 3 luglio 2008.

Promosso dall’UIA (Unione Internazionale degli Architetti) e per la prima volta in Italia, il congresso è costruito attorno a un argomento di assoluto interesse: Transmitting Architecture – Comunicare Architettura.

Come precisa Leopoldo Freyrie, relatore generale del congresso UIA 2008 il tema “segnala la volontà di fare uscire l’architettura da una sorta di isolamento nel quale progettare edifici magari bellissimi ma senza un reale confronto con la realtà circostante” e “significa trasparenza nelle comunicazioni e nelle decisioni”.

Quattro i “fili rossi” che imbastiscono un programma denso e stimolante, con ospiti e relatori di assoluta levatura: cultura (30 giugno), democrazia (1 luglio), speranza (2 luglio), manifesto (3 luglio).

La manifestazione – cui parteciperanno migliaia di architetti, studenti, professori di provenienza internazionale – si svolge presso il Centro Congressi Lingotto e il Palavela, dove si tengono le lectio magistralis di Peter Eisenman, Massimiliano Fuksas, Mathias Klotz. La cerimonia inaugurale che ha luogo ai giardini della Venaria domenica 29 giugno, celebrerà, oltre all’apertura del congresso, anche il 60° anniversario della fondazione UIA.

In parallelo alle sessioni di lavoro di “Transmitting Architecture”, l’Ordine degli Architetti di Torino ha organizzato un Off Congress Calendar, contenitore di attività legate all’architettura. Da segnalare, inoltre, allo spazio Oval la fiera internazionale di prodotti per l’architettura, l’edilizia e la compatibilità ambientale, Architektonika, accessibile ai partecipanti del congresso UIA.

Per partecipare al Congresso è necessarià l’iscrizione. Per ulteriori informazioni, si rimanda al sito www.uia2008torino.org.

Potrebbe interessarti:

    None Found

Questo articolo è stato pubblicato in News, NULL. Aggiungi il permalink ai preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>