Parola d’ordine: coworking

La digitalizzazione ha riformulato i concetti di spazio e tempo e ha determinato una maggiore richiesta di autonomia individuale e flessibilità.

Il cambiamento culturale, economico e sociale dei nostri anni ha introdotto nuovi scenari nel mondo del lavoro: tra questi si è affermato il coworking.
Un metodo lavorativo che permette a professionisti indipendenti o a piccole società di condividere spazi lavorativi e intrecciando spesso relazioni professionali e scambi di idee.

Le proposte di arredo Arper sono contraddistinte da trasversalità e funzionalità in un approccio soft-contract, per rispondere alle molteplici esigenze di spazio degli utenti e creare ambienti adatti alle diverse attività.

Vediamo alcuni degli arredi proposti da Arper per coworking:

KIIK Arper coworking

Kiik

Isole dove incontrarsi. Costellazioni di attività. Kiik è pensato per gli spazi tra arrivo e partenza, tra attesa e azione. Questa collezione modulare di sedute, tavolini, pouf e console crea le condizioni ideali per il lavoro, la condivisione o il riposo grazie alle sue forme grafiche, articolate
in una miriade di configurazioni.
Kiik è stato progettato per soddisfare le esigenze di sale d’attesa, campus universitari, spazi di lavoro e aree di incontro e condivisione. La sua natura modulare e la varietà di materiali e finiture lo rendono un prodotto trasversale adatto ad ogni contesto. La collezione, caratterizzata da sedute con e senza schienale e da tavolini di forma triangolare, circolare, quadrata e rettangolare, può essere completata con pouf e console in tre diverse altezze. Molteplici opzioni di rivestimento garantiscono unicità di espressione. Configurazioni diverse si combinano tra loro creando un effetto dinamico e conferendo ritmo a forme ricorrenti.

Paravan Arper coworking

Paravan

Un perimetro per definire lo spazio. Paravan è scultoreo nella forma e architettonico nell’esecuzione, capace di articolare gli ambienti esistenti realizzandone di nuovi. Come parentesi che racchiudono una conversazione, Paravan crea intimità all’interno di spazi condivisi, grazie ai pannelli fonoassorbenti che favoriscono sia la concentrazione individuale sia la collaborazione.
I pannelli della collezione Paravan definiscono un inedito linguaggio modulare, dalla cui combinazione nascono nuovi modi espressivi per delineare lo spazio. Con geometrie semplici e curve eleganti, che creano composizioni regolari o eterogenee, Paravan conferisce identità, ritmo e colore all’interno di ambienti condivisi. La collezione permette la creazione di composizioni angolari e curve, che possono essere personalizzate in un’ampia gamma di finiture per adattarsi ad ogni contesto. Ideale per zone lounge, spazi d’attesa e di coworking, la collezione include scaffali e appendiabiti, elementi opzionali che ne arricchiscono la funzionalità.

Parentesit Arper coworking

Parentesit Freestanding

Arper amplia la gamma della collezione Parentesit introducendo i nuovi modelli freestanding, per consentire livelli di privacy e comfort sempre maggiori. Connotati da una struttura architetturale dalla forte personalità, Parentesit permette di ricavare negli ambienti di lavoro condivisi uno spazio per la concentrazione individuale o la collaborazione in team.
Per la realizzazione di Parentesit, i designer Lievore Altherr Molina si sono ispirati all’arte minimalista e alla tipicità del design d’interni giapponese. Parentesit Freestanding traduce architettonicamente questa visione: è un pannello per dividere una stanza o un ambiente più ampio, creando spazi raccolti per la riflessione e la creatività. Dal design modulare, la combinazione di più pannelli crea composizioni spaziali che ne adattano l’espressività a seconda dell’ambiente circostante.
Parentesit Freestanding è autoportante, grazie alla solida struttura opaca in metallo nero. I moduli sono disponibili in quattro versioni: due pannelli tondi di diverse dimensioni, un pannello quadrato e una combinazione composta da pannello quadrato e rotondo. Tutti i pannelli sono disponibili nella gamma completa dei tessuti Arper, offrendo innumerevoli possibilità di personalizzazione.

Planesit Arper coworking

Planesit

Forte e pacata, Planesit condivide con Kinesit l’intuizione della tecnologia invisibile e l’incredibile comfort, offrendo una declinazione tutta nuova del concetto di ergonomia.
L’aggiunta di un ampio bracciolo, che funge anche da piccolo scrittoio, accresce la funzionalità della sedia in modo naturale. L’intersezione sullo schienale dei piani orizzontale e verticale richiama i giochi geometrici e i grafismi caratteristici ripresi da molti artisti del Ventesimo secolo.
L’evoluzione del Soft Tech reso accessibile a un pubblico ancora più vasto. In Planesit la tecnologia non si vede ma s’intuisce: nascosta all’interno della seduta, lascia spazio ad una silhouette discreta ed elegante. La morbida imbottitura e una regolazione ergonomica di classe A assicurano ore di comfort. La raffinata base a cinque razze è disponibile nella versione sedia
o sgabello, in bianco o in nero. Lo schienale offre sostegno e protezione in due altezze: profilo basso per sale riunioni e conferenze; profilo alto per gli spazi di lavoro creativo. Entrambe le altezze sono disponibili in rete o in rivestimento personalizzabile, con o senza braccioli 3D. Per un comfort ancora maggiore, i braccioli sono disponili con pad in due misure, la più ampia delle quali può fungere anche da base di appoggio per tablet di piccole dimensioni o smartphone.