Virtual Spaces, un viaggio digitale alla scoperta del mondo lounge

Arper presenta le nuove collezioni in uno showroom virtuale.

Arper lancia Virtual Spaces, un’esperienza interamente digitale con cui il brand invita all’esplorazione di cinque spazi lounge che interpretano le nuove collezioni 2020 Aston Club (design by Jean Marie Massaud) e Adell (design by Lievore + Altherr Désile Park) – insieme a una selezione di collezioni di sedute, divani, tavoli Arper.

Le due nuove sedute lounge, presentate lo scorso maggio, si integrano alle collezioni più rappresentative del brand, per dare vita a ispirazioni e suggestioni all’interno di spazi pensati per incontrarsi, creare o prendersi una pausa.

Il fil rouge che unisce le diverse location del Virtual Spaces, si esprime attraverso la giustapposizione di forme, linee e colori che dialogano armoniosamente, per ambienti dall’inconfondibile personalità Arper. Molto più che prodotti quindi, Arper Virtual Spaces mette in scena soluzioni progettuali complete, che interpretano la flessibilità e l’attenzione alla personalizzazione, valori centrali per Arper.

Cinque le situazioni proposte, esplorabili in 3D, ciascuna personalizzabile autonomamente durante l’esperienza di navigazione, che consentono di selezionare e apprezzare diverse combinazioni di finiture, tessuti, colori, con cui i prodotti possono essere personalizzati per dare vita ad atmosfere diverse e sperimentare soluzioni di arredo.

Aston Club

Office Lounge e Residential Living suggeriscono idee per gli spazi di lavoro e residenziali. In entrambi la protagonista è Aston Club, con la sua linea classica e senza tempo, presentata in versione corporate e residential; Adell, dal carattere accogliente e confortevole tratteggia le situazioni Hospitality Lounge, Hospitality Cafeteria, Hospitality Outdoor proponendo un approccio informale.

Giovanni Peracin, Group Brand and Marketing Director, afferma: “Siamo particolarmente orgogliosi di aver rappresentato digitalmente in 3D le novità 2020 che avremmo voluto condividere di persona.”

“Sappiamo che la possibilità di toccare con mano e immergersi fisicamente nel mondo Arper sarà sempre l’opzione più piacevole ma avere comunque uno strumento come Arper Virtual Spaces vuole essere un accogliente assaggio.”

Adell