Il nuovo concetto di ‘ufficio’ secondo Vitra

Per l’edizione di quest’anno della fiera Orgatec, Vitra si concentra sulla crescente convergenza tra mondo dell’ufficio e spazi pubblici, sintetizzata dal titolo ‘WORK‘. Nello spazio espositivo sono stati esposti prodotti Vitra attraverso tre innovativi allestimenti per ufficio, ideati da Edward Barber e Jay Osgerby, Konstantin Grcic e Sevil Peach.

Dove si trova oggi l’ufficio? E dentro ai nostri smartphone e tablet? Esiste solo nella nostra mente? Oppure abbiamo ancora bisogno del rito di entrare in uno spazio fisico dedicato al lavoro?

II progetto di vita ideale della generazione odierna comprende massima flessibilità, minimo vincolo a un luogo fisico, esperienze diversificate e desiderio di benessere personale. Il lavoro viene svolto, ma non necessariamente in un luogo specifico o a orari fissi. Un’intera generazione sta costruendo la propria vita professionale attorno a progetti di vita individuali, collegamenti wireless e opzioni di ricarica per dispositivi digitali.

Nora Fehlbaum, CEO di Vitra, fa notare: ‘Oggi si vedono persone lavorare ovunque capiti: in hotel, in aeroporto, al bar, in spiaggia, sul treno durante lo spostamento do un luogo all’altro. Questi sviluppi stanno sempre piu trasformando lo spazio pubblico in uno spazio di lavoro produttivo.’

Eppure l’ufficio non è affatto destinato a scomparire, perché la necessita di scambi e interazioni dirette con il mondo reale resta inevitabile ed e perfino in aumento con la crescita delle applicazioni virtuali. Al giorno d’oggi alcune delle aziende di maggior successo costruiscono la propria sede sotto forma di campus, ossia una sorta di casa per il proprio personale, in cui coltivare la tradizione dello stare insieme in un unico posto.

Molti di questi progetti per ufficio sono di notevole qualità architettonica, essendo realizzati per durare nel tempo da aziende lungimiranti. Per i dipendenti queste sedi sono come città in miniatura con una vasta gamma di beni, servizi e strutture in immediata prossimità del luogo di lavoro. Gli arredi d’interni rivestono un ruolo fondamentale nel comunicare atteggiamenti e valori a clienti, partner e, soprattutto, alla forza lavoro dell’azienda.

Altre imprese adottano un approccio diverso adattandosi alla natura meno rigida e più imprevedibile dei nostri tempi: per reagire ai rapidi cambiamenti in atto sul mercato, formano strutture organizzative agili in continua evoluzione. Non creano ambienti di lavoro permanenti, attrezzati in modo definitivo, ma mantengono l’infrastruttura leggera e mobile affinché sia prontamente modificabile o spostabile in una nuova sede in qualsiasi momento. Preferiscono affittare mobili e spazi per ufficio anziché acquistarli.

Da decenni Vitra progetta prodotti e soluzioni per l’ambiente dell’ufficio in continua evoluzione. Tali oggetti e concetti non solo affrontano le sfide dell’epoca contemporanea ma sono destinati a durare nel tempo, continuando a essere apprezzati dalla futura generazione.
In un padiglione interamente dedicato a ‘WORK 2018‘, Vitra presenta i tre allestimenti che offrono nuove soluzioni per gli ambienti di lavoro contemporanei: ‘Shared Office’ di Barber & Osgerby, ‘Super Flexible Office’ di Konstantin Grcic e ‘Company Home’ di Sevil Peach.

Shared Office, Barber & Osgerby

Negli odierni centri urbani abbiamo ormai acquisito dimestichezza con gli ambienti di lavoro pubblici collettivi sotto forma di spazi di co-working, lobby di hotel. Oggi tali ambienti fanno sempre più spesso comparsa anche negli edifici aziendali, dato che le imprese tendono ad aprire al pubblico ii piano terra della propria sede. In luoghi come questi, le classiche scrivanie cedono il posto a grandi divani che costituiscono il  punto focale delle nuove dinamiche lavorative. Essi sono dotati di collegamenti elettrici, piani di lavoro e schermature per la privacy. Tavoli e sedie aggiuntive possono essere raggruppati attorno al divano o estratti a seconda della necessita. Lo Shared Office sfuma i confini tra ufficio e spazio pubblico. In questo contesto spicca Soft Work, il un nuovo sistema di
divani modulare presentato per la prima volta in assoluto alla fiera Orgatec.
‘Le regole di lavoro formali stanno scomparendo, a prescindere dal luogo e dal modo in cui lavoriamo: oggi molto spesso si lavora nelle lobby degi hotel o nelle caffetterie. Di conseguenza, la scrivania non e più al centro della nostra vita lavorativa. E’ un archetipo che sta scomparendo.’ Edward Barber e Jay Osgerby

Super Flexible Office, Konstantin Grcic

II concetto elaborato do Konstantin Grcic per il Super Flexible Office è all’insegna della creativita, della comunicazione e dell’innovazione. Gli utenti possono riallestire personalmente l’ufficio con estrema facilita: tende di separazione, pareti divisorie mobili, mobili su ruote e sedie impilabili consentono di creare stanze di dimensioni differenti per una miriade di utilizzi nell’arco di pochi secondi. II Super Flexible Office può essere riconfigurato a piacere pur mantenendo la propria identita: ora una salo riunioni, poi una caffetteria, domani uno spazio comune. All’interno del Super Flexible Office, troviamo altre due nuovità: Rookie, una sedia per spazi di lavoro agili, progettata do Konstantin Grcic, e Dancing Wall, creato in collaborazione con Stephan Hurlemann.
‘L’idea e creare uno spazio vuoto che possa essere riprogettato per adattarsi a nuove finalità in qualsiasi momento e essere riportato altrettanto rapidamente alla sua configurazione originale. Trovo estremamente interessante il fatto di non creare un allestimento definitivo. II principio è analogo a quello dei palazzetti dello sport, che possono essere configurati per adattarsi a una vasta gamma di discipline sportive e attività.’Konstantin Grcic

Company Home, Sevil Peach

In Company Home una combinazione di elementi crea un ambiente di lavoro armonioso, dando una sensazione di benessere e offrendo varie soluzioni per lavorare, organizzare riunioni e rilassarsi. L’architettura, la configurazione degli spazi, i materiali e la selezione dei mobili concorrono tutti a definire ii carattere di questa immaginaria azienda, esprimendone i valori e le aspirazioni.

II progetto illustra come gli ambienti di lavoro di una sede aziendale moderna si estendano oltre i confini tradizionali dell’ufficio per abbracciare il mondo urbano circostante, creando un legame fisico ed emotivo con la città. Company Home fà da sfondo al lancio della famiglia di prodotti ACS di Antonio Citterio, della Eames Fiberglass Chair e di numerosi prodotti Artek.

‘Nell’ideare un progetto per ufficio è importante catturare lo spirito del’azienda. Se ci si riesce, il successo deflprogetto viene quasi da se.’ Sevil Peach


Photo credits: Vitra