Metaphysica- L’installazione per il London Design festival

Foscarini esce dallo showroom ed espone le lampade in una galleria d’arte

Ispirata al movimento artistico sviluppato all’inizio del XX secolo da Giorgio De Chirico, Metaphysica – allestita all’interno della galleria Oneroom, affascinante edificio vittoriano nel quartiere londinese di Shoreditch – conduce il visitatore in un mondo visionario della mente che va oltre la realtà fisica. Come in un dipinto metafisico, gli oggetti sono ritratti in modo onirico e inaspettato, mentre contrasti di luci e ombre conferiscono un’aura di mistero all’ambiente.

Al primo piano, le lampade Gem, Gregg e Rituals di Foscarini vengono presentate come elementi di vetro astratti su un piano inclinato, in una sorta di natura morta che rende omaggio a Le Muse Inquietanti, uno dei capolavori di Giorgio De Chirico.

Al secondo piano, le lampade prendono vita. Il sistema Mix & Match di Foscarini si esprime qui in tutta la sua versatilità: le luci da terra, parete, soffitto e tavolo, nelle diverse combinazioni di colori, abitano uno spazio metafisico tridimensionale, fatto di archi e passaggi.

Al terzo piano una selezione delle più recenti proposte di Foscarini – presentate per la prima volta nel Regno Unito in occasione del London Design Festival – completa questo viaggio alla scoperta della luce. I designer che hanno lavorato con Foscarini per mettere a punto le nuove lampade, Tord Boontje, Marc Sadler, Ferruccio Laviani, Ludovica e Roberto Palomba, Ilaria Marelli e Andrea Anastasio, hanno esplorato una vasta gamma di concetti utilizzando materiali ed effetti diversi. Lo spazio è astratto, velato, morbido.

Secondo Carlo Urbinati, fondatore e presidente di Foscarini: “La mostra Metaphysica, a cura di Carlo Ninchi e Vittorio Locatelli di Oneroom, ci permette di presentare Foscarini ancora una volta in modo straordinario e creativo, uscendo dal tradizionale ambiente dello showroom. Sono entusiasta di presentare i nostri nuovi progetti nel Regno Unito in un luogo così ricco di ispirazione.”