Alchemie T la lampada che gioca con luce e ombra

Una lampada/scultura disegnata sa Giulia Archimede per Catellani & Smith

Alchemie T di Catellani & Smith

Eterna è l’antitesi tra luce e buio, tra Sole e Luna, come parte del fluire stesso dell’esistenza.

Molteplici sono i significati allegorici attribuiti alla relazione necessaria tra i due elementi, che esistono l’uno in conseguenza all’altro e viceversa. La nuova lampada Alchemie T disegnata da Giulia Archimede per Catellani & Smith diventa così terreno d’indagine di questa dimensione contrapposta ma da sempre, e per sempre, legata.

Alchemie T è una scultura preziosa composta da due dischi in ottone e alabastro, utilizzato per la prima volta in una creazione di Catellani & Smith, che poggiano su una base realizzata in Pietra Medea.

Un dettaglio di Alchemie T

Con un leggero gesto della mano, il disco in ottone scorre sul binario inserito nella base, mentre il disco in alabastro, che nasconde nella sua cornice la sorgente luminosa a LED, rimane fisso. Accendendo la lampada-scultura mediante il tasto inserito nella base, l’interazione tra luce ed ombra raggiunge il suo apice nell’attimo in cui i due elementi si sovrappongono, quasi a dare origine ad un’eclisse. Il movimento genera un’esperienza d’uso, una variazione sia nella forma della lampada sia nell’intensità luminosa per creare nuove atmosfere nell’ambiente circostante.

Alchemie T rappresenta dunque un sodalizio tra l’oggetto e il suo utente che spinge quest’ultimo a riconoscersi e identificarsi emozionalmente nel suo spazio.

photo by Nava Rapacchietta